giovedì 17 novembre 2011

DOMANI - PEDRO SALINAS

mercoledì, 02 settembre 2009
 

Non c'è niente da fare.
Cerco di dimenticarlo ma non ce la faccio.
Come si fa a non amare questo autore?



http://www.ambiente.melitoonline.it/wp-content/uploads/2007/10/balene.jpg




DOMANI



"Domani". La parola
libera, vacante, senza peso,
si muoveva nell'aria,
così senz'anima e corpo,
senza colore nè bacio,
che l'ho lasciata passare
al mio fianco, nel mio oggi.

Ma all'improvviso tu
hai detto: "Io, domani..."
E tutto si è animato
di carne e di bandiere.
Mi si precipitavano
addosso le promesse
di seicento colori,
con vestiti alla moda
nude, ma tutte
ricolme di carezze
In treni o gazzelle
mi giungevano - acute,
suoni di violini -
snelle speranze
di bocche verginali.
O veloci e grandi
come navi, di lontano,
come balene
da mari remoti
immense speranze
d'un amore senza termine.
Domani! Che parola
vibrante, tutta tesa
di anima e carne rosata,
corda dell'arco dove
tu hai messo, acutissima,
arma di venti anni,
la freccia più sicura
quando hai detto: "Io..."





 
#1  02 Settembre 2009 - 17:03
 
Trovo che sia una poesia notevolmente bella, forse non impeccabile la traduzione ma.... meravigliosa poesia.
Ciao, Bit
Utente: Bitman Contattami Guarda il mediablog (foto, audio e video) di questo utente. Bitman
#2  02 Settembre 2009 - 17:31
 
Che sorpresa, Bit, trovarti da me.
Hai una traduzione migliore?
Posso metterle a confronto sul blog.
Concordo sul meravigliosa....
Carla
Utente: NATACARLA Contattami Guarda il mediablog (foto, audio e video) di questo utente. NATACARLA

Nessun commento:

Posta un commento