sabato 26 novembre 2011

LEV E ZAMBULAT - ANNA MARIA BERMOND

venerdì, 02 settembre 2011
 
Questa fa parte di un gruppo di poesie scritte per onorare la strage di Beslan, come già fu fatto da Gian Pietro Testa per la strage di Bologna. Come allora non ho contattato l'autrice, ma sono pronta a rimuovere il post o ad integrarlo con dei cenni biografici.
Non ho considerazioni da fare, se non inserire una musica appositamente scritta da Allevi presa da You Tube, anche qui contravvenendo ad una mia regola, ma lo ritenevo necessario. Me ne scuso con l'autore.



LEV E ZAMBULAT


Inutilmente ci cercate, cari.
Non è rimasto niente di noi due.

Stavamo insieme, Zambulat e io.
Quelli urlavano, con il mitra in mano.
«Le mani alzate! Vi uccidiamo tutti!...»
E ammazzarono Andrei, perché piangeva,
e l’Ivanovna, che copriva il figlio,
e il padre del mio amico, che calmava le donne.

Per il terrore ci pisciammo addosso.
Ci vergognammo, allora.
Cosa fare?
C’era una donna col vestito nero,
velata fino agli occhi,
vicino alla sua amica.
Son più buone, le donne.
Son come mamme, quando c’è un bambino.
«Se stiamo accanto a lei,
ci salveremo...».

Quando tutto scoppiò,
si squarciò il tetto,
e la gente correva, come pazza,
la donna in nero si rivolse a noi.
Ci strinse forte a sé, in un gesto amico.
Noi l’abbracciammo.
Ci tenne stretti, come se ci amasse,
Poi strappò qualche cosa, alla cintura,
e sparimmo con lei,
in un lampo bianco,
troppo veloce, per aver dolore.

Inutilmente ci cercate, cari:
di me è rimasta solo più una scarpa,
di Zambulat
la medaglia che vinse nella corsa.




Leggi i vecchi commenti



#1  07 Settembre 2011 - 11:25
Bellissima , assolutamente brechtiana.

Vedo che ti stai convertendo alle immagini,cosa succede?

Ales
utente anonimo

#2  08 Settembre 2011 - 06:22
E' assolutamente transitorio, ma "quando ce vò, ce vò".....
Bentornato, Ales, era un pò che non ti vedevo.
Come si sta in ferie?
Utente: NATACARLA Contattami Guarda il mediablog (foto, audio e video) di questo utente. NATACARLA

#3  11 Settembre 2011 - 20:11
L'amico Giuseppe mi ha segnalato questo libro inerente a Beslan.
L'incipit è piuttosto sconvolgente: sarà uno dei miei prossimi acquisti,.
IL DEMONE A BESLAN  - ANDREA TARABBIA - Edizioni Mondadori
Riaprirà ferite non nostre da cui  uscià comunque dolore.
Utente: NATACARLA Contattami Guarda il mediablog (foto, audio e video) di questo utente. NATACARLA





Nessun commento:

Posta un commento