giovedì 17 novembre 2011

NERO E DURO DISTACCO - ANNA ACHMATOVA

domenica, 04 ottobre 2009






NERO E DURO DISTACCO
 

Nero e duro distacco
che io sopporto al pari di te.
Perché piangi? Dammi meglio la mano,
prometti di ritornare in sogno.
Noi siamo come due monti...
non ci incontreremo più a questo mondo.
Se solo, quando giunge mezzanotte,
mi mandassi un saluto con le stelle...



 Leggi i vecchi commenti





#1  06 Ottobre 2009 - 06:16
Ciao Carla, nell'infinita tristezza di questi versi, Anna Achmatova esprime una grande dolcezza; la sua vitalità e la forza di volontà si ritrovano sempre nelle poesie che Anna ha scritto per la sua gente e anche per tutti noi. Max
Utente: max61 Contattami Guarda il mediablog (foto, audio e video) di questo utente. max61

#2  06 Ottobre 2009 - 18:31
Era il destino del tempo. Quando due persone si separavano per un viaggio, un trasferimento, non sapevano se e quando si sarebbero rivisti e le lettere si facevano struggenti missive.
Quando il mittente era poeta, erano scritti come questi.
Al giorno d'oggi ci manca questo senso di precarietà, di incertezza, ma non credo di voler tornare a quei tempi.
A presto, Max.
Carla
Utente: NATACARLA Contattami Guarda il mediablog (foto, audio e video) di questo utente. NATACARLA

#3  05 Settembre 2010 - 14:35

L'Achmatova è insuperabile nella delicatezza e nella profondità con cui affronta il tema della separazione e della lontananza.ciao, da Vincenzo!
utente anonimo

Nessun commento:

Posta un commento