sabato 19 novembre 2011

PIENO POMERIGGIO DI SECONDO AGOSTO - ERMANNO KRUMM

martedì, 06 aprile 2010
 

Come la poesia del post precedente, anche questa è una poesia colloquiale.
Il poeta non  si aspetta una risposta, vuole soltanto farci partecipi del suo sentimento, della sua gioia, in questo caso (e tanto per cambiare).
Così ci propone delle immagini, non descrivendole in modo statico, ma attraverso un dialogo con l'amata.
Un modo insolito di proporre la poesia; non credo sia nuovo, ma certamente più diretto di altri testi che ho avuto modo di leggere e più accattivante.

.....http://byfiles.storage.live.com/y1plK2BU6rFrnHUU1Nn_XFEwHaM69gkXyV-a60wJkikNt5OSkOH7MTnHupjk58yWlT6Dx69FfDjnqs


PIENO POMERIGGIO DI SECONDO AGOSTO


- Cosa dico sempre che mi piace
di te? – Non so. Sono discordi
i nostri pensieri. Ma non ora:
- Stenditi. Non si sente nessuno:
il subbuglio dell’estate tace,
stenditi, lascia che ti metta le mani
addosso (perché fingere?).
Pieno pomeriggio di secondo agosto,
sento il braccio, la spalla: sei tu,
sono così felice di essere con te.
da Felicità di E. Krumm, Giulio Einaudi Editore, Torino 1998

Nessun commento:

Posta un commento