venerdì 18 novembre 2011

PONCE - ERMANNO VOLTERRANI

venerdì, 13 novembre 2009
 

Difficile per me apprezzare le poesie in vernacolo, sarà che il mio vernacolo è un po'...beh, diciamo particolare.
Dissacrante, caciarone ed a tratti triviale, a volte.
Uno degli autori vernacolari che mi fa sempre ridere di cuore è proprio l'amico Ermanno che, nonostante abbia delle origini Livornesi un po' "annacquate" nel Cecina, ne ha acquisito proprio lo spiritaccio ruspante.
E poi a un ber ponce, un si pò dì di no. (e scusate la pubblicità non troppo occulta)



http://www.fotolivorno.net/immagini/ponce_G.jpg

PONCE


‘R ponce alla livornese, un lo sai fa’?
Un ti preoccupa’, t’insegno io!
Prendi ‘n bicchiere,
un po’ più grosso di velli da caffé,
basta ‘he c’abbi ‘r fondo bello doppio:
per un bruciassi ‘ diti,
‘r ponce, è risaputo,
va bevuto prendendolo dar fondo,
insomma…
va preso per ir culo.
Per benino scardi ‘r bicchiere ‘or vapore,
un cucchiaino di zucchero… abbondante,
‘na scorza di limone fa da vela
e rumme, Fantasia, nun ti sbaglia’,
‘r Bacardi e ‘r Pampero un vanno bene!
Ci vole la bevanda der Vittori,
l’intruglio ‘he ‘r ragionier Gastone ‘r Biondi
ha ‘nventato un fottio di tempo fa.
Dunque, torniamo a bomba:
di novo scardi ‘r rumme finché bolle
e ner finale,
riempi ‘r bicchierino di ‘affé,
di vello forte a bestia!
Se poi pensi ‘he t’aggradi,
l’ingredienti poi adatta’ ar gusto personale,
mischiando sassolino o cognacche Tre Stelle
e ‘r resurtato ‘ambia po’o o nulla:
a garganella l’aromati’o ponce
ir gargarozzo ti solleti’erà.

Nessun commento:

Posta un commento