mercoledì 16 novembre 2011

TRA LE TENDE ED I FANTASMI - MAURO GERMANI

sabato, 13 giugno 2009

Vi sarà capitato di vedervi recapitare un mazzo di fiori. Inatteso, profumato e ovviamente gradito.
E' capitato anche a me, ma non so dirvi se era formato da rose, da gigli oppure da mughetti o glicine.
Mi è arrivato sottoforma di un libro di poesie, con tanto di dedica.
Non so dirvi se ho apprezzato di più il pensiero dell'autore e la delicatezza del suo gesto, o il contenuto stesso del libro. Ognuna delle poesie è veramente un fiore raro con un profumo intenso.
Si, il libro è di Mauro Germani e quella che vi trascrivo è tratta dal suo libro LUCE DEL VOLTO (Campanotto Editore), una composizione dedicata alla madre.
Unitamente ad altre, non meno belle, formano un capitolo, IL MIO NOME, dove la voce di Mauro - a mio parere - si fa più limpida, ma anche più accorata pur mantenendo un controllo del sentimento che gli invidio moltissimo.







FRA LE TENDE ED I FANTASMI


Fra le tende e i fantasmi alle pareti, quanto tempo nel tempo,
ora, quanta voce negli occhi, nella camera d'ospedale
in mezzo alla notte, nei passi rapidi e silenziosi delle infermiere,
nella tua pelle così trasparente...

Io mi vedo lontano, ti bagno le labbra, penso che una luce ti aspetta.


Nessun commento:

Posta un commento