domenica 17 giugno 2012

IO VIVO TRA LE NUVOLE - ISHAK ALIOUI

Gli incontri con le poesie accadono sempre in maniera molto casuale.
Si cerca un autore e ci troviamo di fronte ad un nuovo testo, un nuovo modo di scrivere, di sentire, di interpretare la vita.
E come lingua straniera da imparare, si cerca di dare una nostra interpretazione al testo, che in molti casi non sarà quella dell'autore, ma pubblicandola o divulgandola, ci regala la possibilità di adattarla alla nostra vita, alla nostra esperienza, al nostro essere diverso da lui.
E' una prova importante per un autore quella di riuscire a trasmettere una parte della sua emozione.
Ishak, a mio avviso,ha scritto una poesia pulita, apparentemente semplice, ma di contenuto e questa credo sia la linea di demarcazione tra poesia e Poesia.


"Scrivere di me è arduo perché è difficile conoscere se stessi
L'indefinibilità del mio io, di quello che sono attraverso il mio corpo, i miei pensieri e i miei sentimenti, mi porta ad affermare che l'importante non è conoscere se stessi, ma accettarsi."
Ishak Alioui







IO VIVO TRA LE NUVOLE


Io vivo fra le nuvole. La realtà non è per me.
La gente dice che devo scendere.
Che le nuvole non sono un luogo per diventare adulti.
Io sorrido a loro. Forse un giorno, dico forse un giorno qualcuno verrà verso il basso.
Ma io mai. La realtà non è per me.
Io resterò qui. La vista è abbastanza mozzafiato.




4 commenti:

  1. dopoilmattino@blogspot.com21 giugno 2012 11:56

    grazie a te ho conosciuto un nuovo poeta,
    il cerchio si allarga, non si vedono i contorni, è universale la parola, grazie
    an ma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quei contorni non si vedranno mai. Io vivo sull'ultima increspatura, pronta a passare su quella che si forma subito dopo.
      Grazie. E' un bello spunto. Ce la scrivi tu una poesia sopra? Me la invii??
      Carla

      Elimina
  2. Spesso per passatempo
    guardo le nuvole del cielo,
    mi dipingo artefice
    di quel etere,
    tuffarmi vorrei
    essere trasportata
    lungo le pareti dell’ universo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve anonimo. Versi che si riallacciano a quelli che ho proposto, tema simile, svolto da due luoghi diversi. Grazie per aver proposto qui quella poesia che ho visto essere di Enza Lepore. Che tu sappia, ha un sito o un blog?

      Elimina