giovedì 25 aprile 2013

I DISCORSI D’ALLORA - GIUSEPPE BARTOLI

Spesso trovo retorica nei versi a celebrazione di festività come quella di oggi, specialmente in quelle dei politici. Raramente le loro parole sono sentite, forse perchè non hanno vissuto il disagio in prima linea e forse è anche per questo che non riescono a costruire, ma solo distruggere.
Consiglio loro la lettura di qualche poesia, piuttosto delle loro frasi inconcludenti.
In questa poesia di Giuseppe ritroviamo, con una delicatezza del verso, tutta la forza del combattente, che non si tira indietro davanti al pericolo come davanti alla vita.


Teofilo Patini (Italia 1840-1906)




 I DISCORSI D’ALLORA


Parlavamo di noi
quando la sera maturava
la stanchezza del giorno
e le contadine velate di nero
raccontavano al cielo
i guasti della pioggia
del vento e della guerra
Parlavamo di noi
all’acqua vergine di fonte
mescolando al grattare del mitra
la ragione di crederci uomini
e il diritto di lasciare
alle bestie da soma
il vanto pesante del basto
Parlavamo d’idee
mescolando bestemmie
ai rosari di pietra
per lasciare lontano l’inverno
che marciva nei solchi
e la fame
che uccideva le ultime favole
negli occhi dei bambini
Parlavamo di noi
cercando nei boschi la vita
e nei sentieri di piombo
le nostre radici di uomo
Parlavamo di noi
quando albe di fuoco
scoprivano i nostri fantasmi
già stanchi al primo mattino
già vecchi a soli vent’anni
Parlavamo del nostro domani
davanti alla salma nuda
d’un compagno caduto
e ad un ventre di terra
- che ingoiava -
le noste tenere radici
lasciandoci in bocca
la voglia rabbiosa
d’un tempo migliore
in cui ancora sperare





Nessun commento:

Posta un commento