domenica 20 novembre 2011

A COSA PENSI - ALBERTO NESSI

sabato, 10 luglio 2010
 

Alberto Nessi, autore svizzero di prosa e poesia in lingua italiana,  è nato a Mendrisio il 19 novembre 1940 ed è cresciuto a Chiasso.
Dopo gli studi alla Scuola Magistrale di Locarno e all'Università di Friburgo, ha insegnato letteratura italiana proprio nella sua città.
Non è il solo Alberto Nessi che si può trovare tra gli scaffali delle librerie. Un caso di omonimia che vede entrambi poeti, divisi da 19 anni anagrafici.


http://farm3.static.flickr.com/2007/2505450808_c95c789e66.jpg?v=0


A me è capitato spessissimo di proporre questa domanda.
Insicurezza, bisogno di conoscere l'altro o l'altra.
Qualunque sia il motivo, il momento in cui viene formulata è di condivisione profonda e spiazza molto l'altro.
C'è molta malinconia, quella del lutto:

ed io a cosa penso adesso nell'età / della perdita

quella del rimpianto:

penso alle cose che non ci si dice mai

con versi di chiusura molto intimi, disponibili alla condivisione per alleviarne il peso che contengono.



http://images.travelpod.com/users/martinasfamily/1.1258960500.pianta-delle-liane.jpg



A COSA PENSI?


A cosa pensi? A tante cose, dicevi,
il silenzio era neve sulla tela cerata
sotto le corolle del lampadario
copriva l'erba delle parole taciute

ed io a cosa penso adesso nell'età
della perdita, quando il falco
si libra sempre più alto nel cielo
più lontano dai fuochi che m'accesero

penso alle cose che non ci si dice mai
inciampo nelle radici e nelle liane
qui nei boschi dove tua madre ragazza
si lasciò prendere da un lavorante

ascolto l'uccello dal capo azzurro
che annuncia il crepuscolo dell'alba
sopra i rottami dei sogni, scruto
la macchia bruna sul mio viso

e tengo d'occhio il petalo che reca
un'eco della tua luce. Nell'ora del bilancio
ci sei tu che fai i conti a matita
sul foglio quadrettato del notes

c'è la tua collana di perle finte
il gelato nel bicchierino che ti portavo
i pomeriggi d'estate dal bar vicino,
l'erba segreta del nostro silenzio.


Nessun commento:

Posta un commento