sabato 19 novembre 2011

LAMENTO - HERMANN HESSE

venerdì, 18 dicembre 2009
 
 
Interessante visione della vita.
Una spersonalizzazione di noi, un adattarci alle cose, alle situazioni con una "ansia di essere" che è molto adolescenziale magari, ma se non ci fosse cosa saremmo?
Vedete il difetto di non poter discutere con gli autori?
Se potessi gli farei questa osservazione:
La pietra dura, come forma, certo più dell'argilla ma alla fine si sgretola anch'essa sotto l'erosione del tempo, più o meno velocemente.
Ma probabilmente l'immagine della polvere, ad esempio, duratura anch'essa, non sarebbe stata altrettanto efficace.


http://www.tiffani.it/files/Image/BLOG/iStock_000000111205XSmall.jpg



LAMENTO


Non ci è dato di essere. Noi siamo
soltanto un fiume, aderiamo ad ogni forma:
al giorno ed alla notte, al duomo e alla caverna
passiamo oltre, l'ansia di essere ci incalza.

Forma su forma riempiamo senza tregua,
nessuna ci diviene patria, gioia o pena,
sempre siamo in cammino, ospiti sempre,
non c'è campo né aratro per noi, né pane cresce.

E non sappiamo cosa Dio ci serbi,
gioca con noi, argilla nella mano,
muta e cedevole che non piange o ride,
mille volte impastata e mai bruciata.

Potessimo, una volta, farci pietra, durare!
Questa è la nostra eterna nostalgia,
ma un brivido perdura a raggelarci
e non c'è pace sulla nostra via.

Nessun commento:

Posta un commento