domenica 20 novembre 2011

NEL MIO DOLORE NULLA E' IN MOVIMENTO - PAUL ELUARD

sabato, 17 luglio 2010
 
Sempre a proposito del dolore, argomento di pochi post fa, ripropongo un autore la cui lettura significa ogni volta prendermi un momento di pausa, per poterne assorbire - e sopportare - l'intensità del contenuto.
Penso questa poesia successiva alla sua  Abbiamo passato la notte, ancora dedicata alla figura della sua donna ed ancora la circonda, per un'ultima volta, del suo amore.







NEL MIO DOLORE NULLA E' IN MOVIMENTO


Nel mio dolore nulla è in movimento
Di quello che io stesso sono stato
Attendo, nessuno verrà
Né di giorno né di notte né mai più.
I miei occhi si sono separati dai tuoi occhi
Perdono fiducia perdono la luce
La mia bocca si è separata dalla tua bocca
La mia bocca si è separata dal piacere
E dal senso dell'amore e dal senso della vita
Le mie mani si sono separate della tue mani
Le mie mani lasciano sfuggire tutto
I miei piedi si sono separati dai tuoi piedi
Non avanzeranno più non ci sono più strade
Non conosceranno più né il peso né il riposo
Mi è concesso di veder finire la mia vita
Con la tua
La mia vita è in tuo potere
che ho creduto infinita
E l'avvenire la mia sola speranza è il mio sepolcro
Identico al tuo circondato da un mondo indifferente
Ero così vicino a te che ho freddo vicino agli altri.


Derniers poèmes d'amour - 1963

Nessun commento:

Posta un commento