domenica 20 novembre 2011

RIPENSO AL TUO SORRISO - EUGENIO MONTALE

domenica, 08 agosto 2010
 
 
Per lo stile con cui è stata scritta, questa poesia di Eugenio ha un gusto antico.
Siamo nel 1923 e mentre Ungaretti elabora una sua poetica "ermetica",  lui cerca dentro di sè una cura, un antidoto o un talismano al suo "Male di vivere".
Un dubbio: parla di un amico, o piuttosto parla di sè?


http://www.to.infn.it/~nanni/Bormida/pietre.jpg


RIPENSO IL TUO SORRISO

Ripenso il tuo sorriso, ed è per me un'acqua limpida
scorta per avventura tra le petraie d'un greto,
esiguo specchio in cui guardi un'ellera i suoi corimbi;
e su tutto l'abbraccio di un bianco cielo quieto.
Codesto è il mio ricordo; non saprei dire, o lontano,
se dal tuo volto s'esprime libera un'anima ingenua,
o vero tu sei dei raminghi che il male del mondo estenua
e recano il loro soffrire con sé come un talismano.
Ma questo posso dirti, che la tua pensata effigie
sommerge i crucci estrosi in un'ondata di calma,
e che il tuo aspetto si insinua nella mia memoria grigia
schietto come la cima di una giovinetta palma...



Nessun commento:

Posta un commento